Ignazio Gardella

Designer

Discendente da una famiglia di ingegneri e architetti – tradizione che rispettò laureandosi nel 1928 in Ingegneria Civile presso il Politecnico di Milano – Ignazio Mario Gardella, nato nel 1905 e scomparso nel 1999, visse da protagonista tutte le novità del suo secolo, divenendo uno degli artefici dei cambiamenti in atto nel mondo del design e dell’architettura. Dalla sua personalità eclettica e dirompente fu principalmente la città di Milano a beneficiarne sin dal 1943 quando Gardella fu tra i promotori del Piano A.R. (“Architetti Riuniti”): un progetto per il nuovo piano regolatore che costituì una delle prove più alte per gli architetti milanesi per via della sua ottimistica volontà di ripensare e ricostruire la città come espressione di una nuova società democratica. La sua concezione di architettura come “arte”, risultante tra costruzione utilitaria e opera artistica, non poteva che influenzare la produzione che scaturì dalla collaborazione con MisuraEmme avviata negli anni Settanta. Gardella rieditò pezzi storici e realizzò una nuova collezione segnando un momento di spicco per la storia aziendale. La ricchezza e la varietà di proposte che ne scaturì fu anche oggetto della mostra “Ignazio Gardella Architetto” tenutasi nella primavera del 1989 e organizzata da MisuraEmme e dal Museo dell’Arredo Contemporaneo di Ravenna. Emblema intramontabile di tale scambio di saperi la libreria Elegie, divenuta negli anni un pezzo iconico del design moderno. 

Prodotti disegnati per MisuraEmme

Effettuare login per visualizzare i contenuti riservati.

Se non hai ancora creato il tuo profilo è necessaria la registrazione

MisuraEmme